Strumenti personali
 
Tu sei qui: Portale Giornate Europee del Patrimonio - Chiesa di San Sebastiano
Azioni sul documento

Giornate Europee del Patrimonio - Chiesa di San Sebastiano

Cosa Visita guidata
Quando 28/09/2013
da 11:05 al 12:00
Dove Appuntamento all'ingresso della Chiesa di San Sebastiano
Persona di riferimento Amalia Donatella Basso
Indirizzo e-mail per contatti
Recapito telefonico per contatti 0412710111
Partecipanti Amalia Donatella Basso
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Paolo Veronese a San Sebastiano: restauri in corso

  Giornate Europee del Patrimonio 2013

Chiesa di San Sebastiano, Paolo Veronese: restauri in corso

La chiesa di San Sebastiano a Venezia è considerata “il tempio” di Paolo Caliari, il Veronese.

Il primo incarico conferito al pittore fu relativo al soffitto della sagrestia, nel 1555.

Di seguito avviò la realizzazione di quello dell'aula. Impresa di maggiore rilevanza e ampiezza dove dipinse Angioletti affacciati a balaustrate e quattro Virtù che inquadrano le Storie di Ester. Sin da principio  il maestro concepì un progetto decorativo generale, rivolto al contesto nel suo insieme, che  realizzerà nel corso degli anni, e interesserà tutte le superfici interne, l'organo, le tele del presbiterio e di alcuni altari. Lungo le pareti dell'aula eseguì Profeti, Santi, Sibille; sull'arco trionfale l'Annunciazione. Sul barco dei monaci episodi del Martirio di San Sebastiano. Sulle portelle dell'organo chiuse la Presentazione di Gesù al tempio, aperte la Probatica piscina.  L'insieme ha carattere unitario, grandioso. Lo spazio viene concepito in forme nuove,  acquisisce effetti spettacolari, viene dilatato verso profondità lontane. Il maestro raggiungerà risultati innovativi, unici sino ad allora, che saranno di stimolo e d'esempio.

Le opere del Veronese suscitarono grandissimo interesse, sin dal momento della loro esecuzione, e furono ammirate da stuoli di visitatori; copiate da numerosi pittori e dagli studenti dell'Accademia veneziana. Subirono nel corso dei secoli gravi problemi di conservazione molti dei quali legati alle copiose infiltrazioni d'acqua piovana dal tetto e dalle finestre.

Negli ultimi anni è stato intrapreso il restauro del soffitto e delle pitture murali con esiti di grande effetto e il recupero dell'equilibrio cromatico e dell'effetto scenografico del'insieme che, nel corso del tempo, era andato svanendo.
    

« dicembre 2017 »
do lu ma me gi ve sa
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
 

Sviluppato con Plone CMS, il sistema open source di gestione dei contenuti

Questo sito è conforme ai seguenti standard: